Cos’è la Legge 3/2012 del Sovraindebitamento?

La Legge 3/2012 del Sovraindebitamento è la norma che è stata introdotta in Italia nel 2012 e riformata posteriormente con il decreto legislativo n. 14 del 2019, emanato in attuazione della legge delega n. 155 del 2017, il cui obiettivo è aiutare soggetti in gravi difficoltà economiche che si trovano in uno stato di insolvenza. È ad oggi l’unica forma legale per gli individui di cancellare i debiti, a patto che abbiano i requisiti adatti per beneficiarne.

In poche parole, la Legge 3/2012 del Sovraindebitamento è rivolta a determinati individui la cui situazione finanziaria è insostenibile, ai quali consente di scegliere tra tre procedure: stabilire un accordo con i creditori, presentare il piano del consumatore attraverso il quale è possibile rinegoziare i propri debiti direttamente con il giudice, liquidare tutti i beni del debitore.

Ogni procedura è vincolata alle caratteristiche del caso specifico e del beneficiario, che deve avere tutti i requisiti necessari ed appartenere a una delle seguenti categorie: consumatori, liberi professionisti, imprenditori agricoli, enti non commerciali, eredi di un imprenditore defunto, start-up innovative, enti pubblici, piccole imprese o società di persone. Una volta portata a termine la procedura, il privato o la piccola impresa avrà la possibilità di uscire dallo stato di insolvenza per riacquisire un ruolo attivo nell’economia.

In ogni caso, è importante sapere che non tutti i tipi di debito possono essere cancellati.